www.confraternitaimmacolatatrabia.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Attività & Novità Anno 2013 Professione suor Ivana

Professione suor Ivana

 

lo scorso 5 maggio 2013 professione temporanea suor Ivana del SignoreLo scorso 5 maggio 2013, presso il convento di suore clarisse capuccinelle in Palemro, si è svolta la professione temporanea della nostra concittadina suor Ivana del Signore.

La celebrazione è stata presieduta S.E.R. Card. Paolo Romeo, Arcivescovo Metropolita di Palermo.

Anche se la chiesetta a servizio del convento era molto piccola, molti sono stati i nostri concittadini che hanno partecipato a tale evento e con fede hanno pregato per questa vocazione.

Sotto vengono riportate alcune dia dei momenti culmini della celebrazione: la richiesta di far parte della comunità religiosa delle clarisse capuccinelle effettuata da Suor Ivana al card. Paolo Romeo; il momento della professione momentanea dinnazi alla madre superiore; una foto ricordo dell'evento.

 

richiesta di suor Ivana di far parte della comunità religiosa al card Paolo Romeo temporanea di suor Ivana del Signore davanti alla madre superiore

 

foto di gruppo dell'evento

 

a me vocazione poesia dedicata a suor Ivana del Signore 5 maggio 2013 palermo suore capuccinelleAlla fine della celebrazione Eucaristica, la nostra consorella Antonella, ha voluto esprimere tutta la nostra felicità per la professione temporanea di Suor Ivana del Signore, dedicandogli una poesia scritta in dialetto siciliano.

Sotto viene riportata, in maniera integrale la poesia "A me vocazione" dedicata a suor Ivana del Signore.

A ME VOCAZIONE

Signuri, Tu mi chiamasti

già di quannu

no grembu di me matri mi mittisti,

facennumi nasciri nno misi di l’Annunziata,

pi farimi sentiri forti a To chimata.

Quann ‘eru picciridda,

ennu cu me patri a latu,

appressu Ammaculatedda,

mi mittisti nno cori na gioia, senza aspittata,

ca la pensu ancora tutti l’uri di la me iurnata

e ti ringraziu, ca, propriu na da nuttata,

sintennu a To vuci sussurrata

comu lu ventu di la matinata,

a me vocazioni iava pigghiannu vita.

Paroli d’amuri mi rapevunu lu cori:

“Figghia, figghia amata -ricia-

veni appressu a Mia,

ti portu nna giusta via

e comu Franciscu e Chiara

a to anima pura,

diventirà la Me dimura.

Canusciu lu to cori,

chinu di carità e duluri,

ma sentu ca straripa pi Mia d’amuri

e picchistu ti vogghiu cu Mia purtari,

facennuti ancella pu Patri Criaturi”

O vuci santa, ca mi facisti di Tia nn’amurari

e li cosi di sta terra mi facisti scurdari

lassannu li pinseri pi lu me avveniri!

Ora lu sacciu,Tu sì l’Amuri,

e anchi si nò gruggiulu di la tribulazioni mi passasti

e nna cruci cu Tia mi mittisti,

spizzannu lu me cori

lu iornu ca’ mme patri ti vulisti pigghiari,

Tu ,o Signuri,

Tu sì sempri lu mè primu e urtimu Amuri

ca prestu mi cunsulasti

picchì di me patri a preghiera ascutasti.

Iddu ti priò pi mia,cu grandi curtisia,

pi fari, ri da so ‘ picciridda, di Tia na sposa bedda.

E Tu, tri voti Santu, mi pigghiasti,

a mia piccatura,

pi stari nna to Chiesa,

comu na rosa,vergini e pura.

E ora sugnu cca cunsacrata

nna stu cummentu, mmaculatu e santu,

giuiusa cu cori cuntentu

grata…

picchì mi rasti comu guida

na matri tantu a tia divota,

ca na bona strata m’ha sempri guidata,

accumpagnannumi nna stu camminu

sempri cu l’Amuri Divinu.

Riligiusa divintata, pi grazia disidirata,

ma di Cristu pinsata e priparata,

O Matri, Matri mia Immaculata

fammi digna di essiri santificata!

E, si è Divina sta me chiamata,

lodi e gloria a Tia, sarà cantata…